Skip to the navigation Skip to the content

Dettaglio

LECTOR DELTA: UNICO NEL SUO GENERE

Grazie a una composizione equilibrata e inedita di diflufenican e florasulam, la nuova proposta di Certis Europe si annuncia risolutiva contro le infestanti dicotiledoni dei cereali a paglia, a partire da Galium aparine

Formulato come sospensione concentrata, Lector® Delta (Reg. n° 16471 del 27/09/2018) è un erbicida selettivo di post-emergenza per i cereali autunno-vernini. La sua composizione appare assolutamente inedita nel panorama dei diserbi dei cereali, mostrando un equilibrio ideale fra le due sostanze attive presenti, ovvero florasulam e diflufenican: la prima contenuta in ragione di 50 grammi per litro, la seconda di 500 grammi per litro. Applicato in post-emergenza precoce, Lector® Delta appare risolutivo contro un ampio spettro di infestanti dicotiledoni, in special modo di Galium aparine, noto anche come “attaccamani”, una delle più ostiche fra le infestanti chiave dei cereali a paglia, anche per le difficoltà che è in grado di creare alla trebbiatura in caso di mancato controllo.

Autorizzato su frumento, tenero e duro, orzo, segale, triticale, Lector® Delta può essere impiegato con profitto anche in caso di semine primaverili di frumento e orzo. I punti di forza del prodotto derivano dalle sinergie di azione delle due sostanze attive presenti. Diflufenican è un antidicotiledonare ad ampio spettro che mostra però un’azione secondaria contro le graminacee. Inoltre, pur essendo attivo soprattutto per assorbimento fogliare, diflufenican è in grado di offrire una parziale azione residuale, controllando anche le infestanti che dovessero germinare subito dopo il trattamento. Da parte sua, florasulam offre anch’esso un ampio spettro contro le infestanti dicotiledoni, apportando la marcia in più soprattutto contro Galium, papavero, matricaria e crucifere in generale. Differenti anche i modi d’azione delle due sostanze attive, essendo diflufenican classificato in gruppo HRAC F1, inibizione della sintesi dei pigmenti, mentre florasulam ricade in gruppo HRAC B, inibizione della sintesi degli aminoacidi ramificati.

Consigli di impiego

Lector® Delta va applicato in post-emergenza precoce della coltura, pur potendo risultare efficace anche con applicazioni di fine inverno o primaverili, da effettuarsi non oltre l'inizio della levata. Il massimo dell’efficacia si ottiene quando le infestanti si presentino nei primi stadi vegetativi. In caso di applicazioni effettuate in autunno o a inizio inverno la dose di impiego è di 75 millilitri per ettaro, potendo invece spaziare fra i 75 e i 100 millilitri per applicazioni a fine inverno oppure primaverili.

Una linea completa ed efficace

Certis Europe ha inserito Lector® Delta in un portfolio prodotti che già offriva di per sé alcune soluzioni di alto valore agronomico, come per esempio il graminicidaThiras® contente clodinafop propargyl e Duplosan® Super, una miscela di diclorprop-p, MCPP ed MCPA, ad elevata efficacia contro numerose dicotiledoni fra le quali il cardo mariano. Per la difesa dalle malattie fungine sono invece disponibili Cercobin® WG e Zefir 25 WDG, contenenti rispettivamente tiofanate metile e tebuconazolo. Infine, per la difesa dagli insetti è possibile contare sulla rapida efficacia di Agtrin® 25 EC e Cyperkill 50 EC, a base di beta-ciflutrin e cipermetrina.